SHARE

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Licata, nel corso di servizio finalizzato al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, hanno arrestato oggi, in flagranza di reato, B. D., 23 enne, bracciante agricolo licatese, poiché resosi responsabile del reato di coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente tipo “marjuana”.

“In particolare i militari dell’Arma, al termine di una rapida attività info – investigativa – secondo la ricostruzione dei caarabinieri – individuavano in località “Casalicchio” il fondo agricolo coltivato dal 23enne licatese, rinvenendo all’interno una piantagione di marijuana consistente in circa 800 piante di Cannabis indica, del peso complessivo di 6 quintali, perfettamente fiorita ed in ottimo stato di vegetazione, avente un’altezza variabile dai 50 ai 100 centimetri”.

Lo stupefacente è stato posto sotto sequestro in attesa delle successive analisi qualitative e quantitative. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è statp tradotto presso la casa circondariale di Agrigento, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

SHARE