SHARE

E’ legittima la decisione assunta dal sindaco di Camastra (in provincia di Agrigento), Angelo Cascia’, di cancellare le figure dirigenziali per risparmiare risorse ed evitare la creazione di esubero del personale. A sancirlo – come riporta l’Ansa – è stato il Giudice del Lavoro del Tribunale di Agrigento, Bartolo Salone, respingendo e condannandolo al pagamento delle spese il ricorso di una figura dirigenziale del piccolo comune agrigentino che si era visto retrocesso a poco piu’ che semplice capo ufficio perdendo i sostanziosi emolumenti aggiuntivi. Una sentenza destinata a fare giurisprudenza e a riscrivere il rapporto contrattuale e sindacale tra dirigenti ed amministrazione degli enti in un momento di continui paventati dissesti.

SHARE