SHARE

E’ rimasto “stupito da tanta bellezza” l’attore Luca Zingaretti in mezzo a quella “campagna di olivi saraceni affacciata agli orli di un altipiano d’argille azzurre sul mare africano” dove in una “rozza pietra” è custodita l’urna con le ceneri di Luigi Pirandello. Per il Commissario Montalbano e la sua storica fidanzata Livia Burlando (interpretata da Sonia Bergamasco) ieri giornata di riprese al Caos, davanti alla casa natale di Pirandello. Con la regia di Alberto Sironi, sono state girate scene esterne anche al pino e interne nelle salette al primo piano della casa-museo dove Salvo e Livia si sono aggirati, in visita, incuriositi e ammirati dalla grandezza del drammaturgo agrigentino di cui, proprio quest’anno, il 28 giugno, ricorrono i 150 anni della sua nascita. Sul set anche cento comparse, in tanti gli agrigentini in scena.

Ad accogliere il Montalbano centinaia di fans desiderosi di un selfie con il commissario più famoso d’Italia. Il sindaco Lillo Firetto, in mattinata, si è recato sul set per salutare gli attori, il regista e “ringraziare la Palomar per aver scelto questa location tutta agrigentina. Un’efficace occasione di marketing culturale e territoriale”, ha detto il primo cittadino. “Dopo le riprese al tempio di Giunone, la volta scorsa, in un episodio che ha registrato il record di ascolti nella storia del ‘Montalbano televisivo’, ora – ha sottolineato Firetto – Agrigento promuove le sue corde letterarie con la casa natale di Luigi Pirandello e la rozza pietra che ne custodisce le spoglie. Un omaggio al nostro Nobel nel 150° della nascita, una celebrazione nelle celebrazioni”.
La Palomar, la società di produzione della fortunata serie televisiva ispirata al personaggio creato da Andrea Camilleri che negli anni ha riscosso crescente successo su Rai 1, ha dato il via nelle scorse settimane alle riprese a Punta Secca (frazione marinara di Santa Croce Camerina) nel Ragusano, di due nuovi episodi del Commissario Montalbano. Tratti dal romanzo di Camilleri “La giostra degli scambi” e da alcune novelle, tra le quali “Amore” e “Prova generale”, i due episodi andranno in onda in tv la prossima primavera. Le scene girate ieri ad Agrigento riguardano l’episodio “Amore”.

Dopo le riprese alla Valle dei Templi e alla Scala dei Turchi (Realmonte) la Palomar continua dunque a scegliere località agrigentine per importanti scene della serie tv. La puntata con le scene girate per la prima volta al Parco archeologico di Agrigento, andata in onda il 6 marzo scorso, ha registrato record assoluto d’ascolti. L’episodio “Come voleva la prassi”, infatti, ha inchiodato davanti alla televisione, su Rai Uno, 11 milioni 268 mila spettatori, per uno share del 44,1%, secondo l’Auditel il miglior risultato di una fiction negli ultimi quindici anni. “Un’incredibile finestra internazionale che promuove Agrigento – ha detto il sindaco Firetto – alla luce del fatto che il commissario di Vigata, che ha alle spalle 11 stagioni e più di trenta episodi, viene tradotto in 13 lingue e venduto in 28 Paesi del mondo. Auspichiamo che il nostro Commissario Montalbano frequenti più spesso la città dei templi”.