SHARE

Si e’ concluso con due condanne e otto assoluzioni il processo nato dal crollo di una palazzina a Favara. Sotto alle macerie, il 23 gennaio del 2010, furono trovate morte due sorelline Marianna e Chiara Bellavia di 14 e 3 anni. La famiglia aspettava l’assegnazione della casa popolare per lasciare l’edificio che doveva essere messo in sicurezza. A tre anni di carcere e 5 di interdizione dai pubblici uffici – come riporta l’Ansa – e’ stato condannato Sebastiano Dispenza, mentre tre anni sono stati inflitti ad Antonio Noto, che aveva l’uso dell’immobile. Assolti i tecnici del Comune Giacomo Sorce, Pasquale Amato, Alberto Avenia, Antonio Grova, geometra, Francesco Criscenzo, difeso dagli avvocati Vincenzo Caponnetto, Giuseppe Piazza e Francesco Crescimanno. Assolta anche la proprietaria della palazzina, Rosalia Presti e i sindaci Carmelo Vetro e Lorenzo Airo’. Ai genitori delle vittime, costituiti parte civile, sono stati riconosciuti 20mila euro a titolo di provvisionale immediatamente esecutiva. I sindaci erano stati coinvolti nella qualita’ di responsabili dell’ufficio di protezione civile e i tecnici e la proprietaria in quanto avrebbero violato gli obblighi connessi alla propria funzione: vigilare e verificare che edificio fosse messo in sicurezza. Responsabilita’ che il tribunale ha attribuito ai soli Dispenza e Noto.

SHARE