SHARE

“Ieri, intorno le ore 12, un motociclista è penetrato dentro la riserva naturale del fiume Platani ed è arrivato in spiaggia. E’ entrato dal bosco, ha percorso tutta la spiaggia della riserva, ha guadato il fiume platani e si è diretto sul sentiero che porta alla necropoli archeologica di Eraclea Minoa, tra decine e decine di bagnanti esterrefatti! Praticamente l’incivile motociclista ha percorso in moto l’itinerario che le associazioni ambientaliste utilizzano, per far conoscere ai ragazzi delle scuole, le bellezze naturalistiche di questi luoghi. E’ necessario scoprire l’identità del trasgressore e consegnare il suo nome al pubblico ludibrio, al fine di dare un segnale di legalità al territorio e per evitare che questi fatti incresciosi si ripetano. Proprio per questo motivo Mareamico ha presentato un esposto/denuncia ai Carabinieri di Ribera e alla Forestale (Ente gestore della riserva del fiume Platani)”. Lo ha scritto in una nota il responsabile di Mareamico Agrigento Claudio Lombardo.