SHARE

Riceviamo e pubblichiamo comunicato del gruppo consiliare di opposizione di Montevago, “Uniti per crescere”, composto dai consiglieri Vincenzo Infranco, Nino Bernardo Triolo, Silvana La Rocca, Silvia  Campagnari.

“È tempo di bilanci a Montevago. Dopo un anno dall’insediamento della Amministrazione La Rocca, dopo l’iniziale entusiasmo e partecipazione fattiva anche da parte di volontari, che lasciavano ben sperare sul raggiungimento dei risultati promessi in campagna elettorale, sembra che oggi qualcosa sia cambiato. Al di là della questione prettamente finanziaria, su cui ci siamo già espressi, crediamo sia il caso di fare il punto della situazione sui temi cardine del programma elettorale premiato dai montevaghesi.

Il Decoro Urbano:tema tanto caro alla Sindaca, tanto da definire la cittadina sporca e degradata un anno fa; oggi sembra avere vinto una grande verità: Nessuno fa miracoli! Le immagini parlano chiaro, le scerbature sono in grave ritardo specie nelle zone periferiche del paese, ma anche attorno alle attrezzature sportive del nuovo centro. Frequenti incendi di sterpaglie e rifiuti  al paese vecchio e agli ingressi periferici. Disinfestazioni effettuate in tempi non più utili a sortire l’effetto debellante ricercato. (metà giugno)

In generale si assiste ad una stasi decisionale di una Amministrazione che dovrebbe ormai avere trovato lo slancio di chi aveva un modo migliore per fare tutto. Il nostro Comune è stato assente alla recente manifestazione di Inycon, negando il patrocinio ad aziende che avrebbero rappresentato se stesse ma anche il nostro territorio, i nostri prodotti e le nostre eccellenze. Santa Margherita di Belice l’ha fatto, Montevago no!

Immobilismo anche sulla programmazione territoriale, nonostante le occasioni si siano presentate; lo dimostra ancora una volta l’esempio della vicina Santa Margherita, a metà graduatoria nazionale con un progetto riguardante la ricucitura delle periferie urbane; Montevago, pur avendone parlato ampiamente in campagna elettorale, pur intendendo riqualificare un paese diviso tra vecchio e nuovo centro, pur avendo una base progettuale da cui partire (cosiddetto progetto LIFE), non ha partecipato!

Inizia a preoccuparci la percezione di lassismo che i cittadini iniziano ad avere rispetto all’operato di questa Amministrazione di cui facciamo parte. Ci preoccupa la scarsa sorveglianza del territorio, incapace di scoraggiare l’abbandono indiscriminato di rifiuti e di animali da compagnia, nel vecchio come nel nuovo centro. In conclusione, ad un anno dall’insediamento questa Amministrazione sembra essersi arenata sul burocratismo, impigliata in un immobilismo che crediamo figlio della mancanza di un quadro unitario di obiettivi da raggiungere.  Pertanto, a nome di tutti i cittadini e non soltanto della metà che ci ha eletti,ci sentiamo di consigliare un cambio di passo, che la Sindaca riprenda le redini della squadra che ha schierato in campo, che possa darci percezione della sua idea di sviluppo, ma soprattutto che possa garantirci un impegno costante per i prossimi quattro anni.  Il Gruppo “Uniti per Crescere” saprà sicuramente riconoscere ed apprezzare la differenza tra un ottimo tentativo ed un mediocre risultato!

SHARE