Turismo enogastronomico sempre più di tendenza, italiani sesti fra i foodies

Il turismo enogastronomico è molto di tendenza e nessun viaggio può dirsi completo senza aver provato la cucina tradizionale del luogo e nuovi ristoranti. Conoscere un posto, infatti, non significa solo immergersi nella cultura locale e fare il pieno di paesaggi da fiaba, ma anche viziarsi un po’ con prelibatezze che non siano quelle di casa, provando così un’esperienza culinaria autentica.

Booking.com, il sito leader mondiale che permette a ogni viaggiatore di prenotare l’alloggio ideale, rivela le nazionalità che considerano il cibo una vera e propria priorità. Dopo un’analisi su oltre 118 milioni di giudizi lasciati dai viaggiatori sul proprio sito, Booking.com rivela che le ‘buone forchette’ che citano il cibo più di ogni altro paese nei commenti sono di nazionalità inglese, francese e tedesca. Seguono subito dopo gli americani e gli australiani, che tengono testa agli europei nel deliziare il palato durante un viaggio con leccornie di tutti i tipi e da tutto il mondo. Solo sesti gli italiani, che precedono comunque, in questa speciale classifica, nell’ordine: spagnoli, olandesi, svizzeri, belgi, canadesi, austriaci, irlandesi, neozelandesi e indiani (al 15° posto).