Cattolica Eraclea, ondata di caldo e danni all’agricoltura: chiesto stato di calamità

A seguito dell’ondata di caldo anomalo e straordinario che ha colpito l’intera Regione ed il territorio di questo Comune, causando grave siccità e carenza idrica, che ha determinato un calo della produzione agricola superiore al 50%, l’amministrazione comunale di Cattolica Eraclea ha inoltrato presso gli uffici regionali competenti formale richiesta di riconoscimento dello stato di calamità naturale.
Il gruppo consiliare di minoranza ha chiesto di inserire la stessa proposta all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale.
Una situazione che riguarda tutta la Sicilia. L’assessore regionale all’Agricoltura, Antonello Cracolici, ha già informato il ministero delle Politiche agricole. “Il grande caldo di questi giorni sta facendo perdere migliaia di quintali di uva, determinando il disastro nella produzione vitivinicola di questa annata – afferma Cracolici. Tutto cio’ conferma l’effetto della siccita’ che a detta di molti agricoltori ha determinato una situazione mai vista in precedenza. Per queste ragioni ho informato il Ministero dell’Agricoltura della situazione che in questo momento e’ in atto in Sicilia, chiedendo a tutti i livelli di farsi carico della situazione eccezionale che sta provocando una crisi che rischia di mettere in ginocchio uno dei settori piu’ importanti dell’economia della nostra isola”.