Omicidio a Licata, fermato giovane nipote della vittima

Un giovane di 19 anni, Giuseppe Volpe, e’ stato fermato per l’omicidio di Giacinto Marzullo, ucciso ieri a Licata. Il fermo, come riporta l’Ansa, e’ stato effettuato da polizia e carabinieri, su disposizione del pm Carlo Cinque della Procura di Agrigento. Alla base dell’omicidio, secondo la ricostruzione della polizia giudiziaria, ci sarebbero forti contrasti familiari fra la vittima e Volpe, legati da rapporti di parentela. Il ritrovamento dell’arma del delitto, una pistola calibro 9, le dichiarazioni dei testi e quelle spontanee del presunto assassino sono al vaglio degli inquirenti. Sulla convalida del fermo, disposto anche per porto illegale di arma da fuoco e coltivazione di marijuana, si pronunziera’ il Gip di Agrigento.