Agrigento, Pm nisseno sequestra copie pubblicazione avvocato Arnone su ministro Alfano

Su ordine del pm di Caltanissetta Davide Spina, la Digos di Agrigento ha eseguito il sequestro preventivo delle copie di una pubblicazione – stampata e venduta nelle edicole al prezzo di 1 euro e 90 – dell’avvocato di Agrigento Beppe Arnone, ex consigliere comunale ed ex membro della segreteria nazionale di Legambiente. Il titolo della pubblicazione, di cui alcuni organi di stampa avevano dato qualche anticipazione la scorsa settimana come riporta l’Ansa, e’ “La banda Alfano e la Procura a delinquere”. Per questo Arnone e’ indagato per calunnia. Nel suo dossier denuncia “gravissimi fatti di reato – scrive la procura nel decreto di sequestro – senza alcun elemento di riscontro, consumati, indiscriminatamente, da tutti i magistrati in servizio presso la Procura di Agrigento e da alcuni esponenti politici agrigentini”. Secondo Arnone, con il sequestro preventivo “la Procura e’ incorsa nel reato di abuso d’ufficio. Come si sono espresse nel 2015 le sezioni unite della Cassazione – aggiunge – il sequestro preventivo puo’ essere disposto in caso di stampa clandestina, di violazione di norme sulla registrazione delle pubblicazioni, stampati osceni contro la pubblica decenza, apologia del fascismo e violazione delle norme sul diritto d’autore. Non sono contemplati altri casi, e il mio non rientra tra quelli elencati dalla suprema corte”.