Elezioni in Sicilia, Bersani: primarie ipotesi poco praticabile

“Le primarie in Sicilia a questo punto mi sembrano un’ipotesi poco praticabile. E poi bisogna intendersi, anche dal punto di vista lessicale, sulla definizione di centrosinistra: per noi centrosinistra non vuol dire Alfano”. Così ieri il leader di Mdp Art 1 Pierluigi Bersani, a margine della commemorazione per il 120/esimo anniversario della nascita di Tommaso Amodeo, militante antifascista inviato al confino e primo sindaco del dopoguerra a Sambuca di Sicilia, in provincia di Agrigento. Tre giorni fa Mdp ha dato il via libera alla costituzione di una lista unitaria della sinistra alle regionali e alla candidatura a governatore del vice presidente della commissione Antimafia, Claudio Fava. Riferendosi alla candidatura del rettore di Palermo Fabrizio Micari, avanzata da Leoluca Orlando e sostenuta da Pd e Ap, Bersani ha osservato: “Noi non abbiamo escluso Micari, ma prima di tutto – ha detto secondo quanto riporta l’Ansa – bisogna chiarirsi sul quadro politico. Al Pd abbiamo proposto di aprirsi a un confronto con tutte le anime del centrosinistra e della sinistra e di dichiarare una disponibilita’ a una candidatura o civica o politica in grado di indicare sia la discontinuita’ rispetto al passato sia l’individuazione di questa area”.