Infrastrutture, Catanzaro (Sicindustria): troppi ostacoli per le imprese nell’Isola

confindustria, catanzaro“Le imprese e il sistema produttivo affrontano quotidianamente una corsa a ostacoli”. Lo ha detto il presidente di Sicindustria, Giuseppe Catanzaro, in merito alla rete stradale e infrastrutturale nell’isola, in un’intervista pubblicata sul Giornale di Sicilia oggi in edicola. “Quando si parla della Palermo-Agrigento – ha proseguito l’imprenditore – penso ad un limite provato di apparati che hanno risorse e utilizzano strumenti non compatibili con i tempi dell’economia reale. Penso alla Pubblica Amministrazione che tira il freno a mano ogni qualvolta si presenta un’opportunita’ di sviluppo. Serve volonta’ politica e burocratica per trasformare i decreti in cantieri”. Da parte delle imprese, sottolinea Catanzaro, “ci vuole veramente coraggio a scommettere su un territorio che non ha infrastrutture”.

“La competitivita’ della Sicilia – ha aggiunto – si basera’ sempre di piu’ sulla capacita’ di attrarre capitali e talenti. Ma tutto questo restera’ un bel sogno che continueremo a evocare se non sara’ accompagnato da un robusto e solido sviluppo della rete infrastrutturale”. “Le infrastrutture – ha sottolineato Catanzaro – sono il leit-motiv delle campagne di Sicindustria. Ci rivolgiamo alla politica, e’ ora che cominci a parlare di programmi per lo sviluppo. Bisogna avere il coraggio delle scelte: scelte selettive e di qualita’. Ricordiamoci sempre che l’uso improprio delle risorse genera poverta’”.