Salute, A Cuore Aperto: 1000 visite in 2 anni nell’Agrigentino, nel 3% fibrillazione atriale sconosciuta

“Sono più di novecento le persone visitate in meno di due anni nell’Agrigentino nell’ambito delle giornate di volontariato promosse dall’associazione onlus A Cuore Aperto. Molti i soggetti che sembravano asintomatici ma che in realtà asintomatici non erano”. Lo ha detto il cardiologo Fabio Triolo, tra i volontari dell’associazione onlus A Cuore Aperto presieduta dal professor Giovanni Ruvolo, facendo il bilancio delle giornate di prevenzione promosse in provincia di Agrigento. Oltre che nella città dei templi, screening cardiologici gratuiti sono stati eseguiti quest’anno a Sciacca, Ribera, Naro, Montevago, Cianciana, Santo Stefano di Qusquina. “Più di dieci persone sono state salvate”, ha detto Triolo facendo riferimento ad alcuni casi particolarmente gravi e a rischio infarto o aneurisma che fortunatamente sono state salvate in tempo grazie alle giornate di prevenzione gratuita delle malattie cardiovascolari. “Abbiamo riscontrato nel 3% della popolazione – ha spiegato il cardiologo – una fibrillazione atriale sconosciuta. Mentre nel 15% della popolazione abbiamo riscontrato la glicemia alta, l’8% rappresentato da diabetici che non sapevano di soffrire tale patologia”.