Sicilia, Cancelleri dopo indagine su Tamajo: “Voto falsato, nuova richiesta all’Osce”

“Dopo il voto in Sicilia, come avevamo preannunciato, si sta delineando uno scenario inquietante. Oggi hanno indagato Edy Tamajo per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione elettorale. Stiamo parlando di 14.000 voti che hanno fatto di Tamajo il candidato piu’ votato a Palermo. E’ gravissimo. Anche perche’ arriva dopo l’arresto di De Luca. I voti degli impresentabili a queste elezioni sono stati 100.000, adesso iniziano ad esserci indagini su come questi voti siano stati acquisiti. La vittoria di Musumeci e’ sicuramente contaminata, ma ora emerge la probabilita’ che il risultato elettorale sia stato falsato dalla compravendita di voti e ancora non sappiamo quanto questa pratica sia stata diffusa”. Lo afferma il leader del M5s in Sicilia, Giancarlo Cancelleri, candidato governatore sconfitto da Nello Musumeci, alla testa di 20 deputati, il gruppo piu’ numeroso all’Ars. “Se per batterci – aggiunge – hanno barato in questo modo vuol dire che non gli e’ rimasta piu’ alcuna arma lecita da utilizzare. Presto scrivero’ un’altra lettera all’Osce dove raccontero’ gli scandali che si stanno scoprendo in questi giorni, il fondamentale ruolo di impresentabili e il comportamento dei media che ha influito negativamente sull’affluenza alle urne e sulla scarsa sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema degli impresentabili. Chiedero’ che vengano al piu’ presto in Sicilia per monitorare fin da subito tutti i movimenti in vista delle Politiche. Non possono continuare a farla franca”.