Blitz antidroga nel centro storico di Agrigento, arrestati tre migranti

Nascondevano la droga un cucina, tra la pasta è il caffè, ma sono stati scoperti e arrestati. E’ successo ad Agrigento dove da qualche giorno i Carabinieri della Compagnia di Agrigento impegnati nei servizi di pattuglia a piedi nel centro storico, avevano notato uno strano via vai da un appartamento di via Bac Bac. Sono pertanto stati subito attuati dei servizi di osservazione, svolti questa volta da Carabinieri in borghese del Nucleo Operativo, che hanno confermato l’esistenza di movimenti sospetti, in particolare di alcuni giovani che entravano ed uscivano più volte, durante la giornata, dal palazzo in cui c’era l’appartamento in questione. E così alle prime luci dell’alba, una decina di militari dell’Arma hanno fatto irruzione nell’unità abitativa, dove sono stati subito rintracciati tre cittadini extracomunitari, un libico e due pakistani, già noti alle forze dell’ordine. Poco dopo aver iniziato la perquisizione, i sospetti si sono rivelati fondati: nella dispensa della cucina, tra una confezione di spaghetti ed un pacco di caffè, i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato un panetto di 100 grammi di Hashish e 6 grammi di Cocaina. In carcere sono finiti: Naneel Abbass, pakistano 19 enne; Hanif Hussain Muhamnad, libico 22enne e Virk Ali Abbas, pakistano, 23 enne.
Per i tre uomini è subito scattato l’arresto in flagranza di reato per Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e l’Autorità Giudiziaria ha disposto che venissero trattenuti nelle camere di sicurezza, in attesa del giudizio direttissimo. “L’operazione – spiegano i militari – rientra nel quadro del potenziamento dei servizi di controllo del territorio ed in particolar modo nel centro storico del capoluogo, disposti dal Comando Provinciale Carabinieri Agrigento”.