Pensioni, Flai Cgil: il 2 dicembre sciopero contro la legge Fornero

Sciopero di 8 ore e blocco degli straordinari e della flessibilita’ concordata per tutti i lavoratori del settore dell’agroalimentare, tra i piu’ colpiti dalla iniquita’ della legge Fornero. A proclamarlo e’ la Flai Cgil, contestualmente alla giornata di mobilitazione del 2 dicembre a sostegno di cambiamenti universali del sistema previdenziale e di una maggiore attenzione del Governo e del Parlamento ai temi del lavoro. ”I lavoratori dell’agroalimentare sono tra i piu’ colpiti dall’adeguamento dell’eta’ pensionabile all’aspettativa di vita”, dichiara Ivana Galli, Segretaria generale Flai Cgil, nel precisare che la categoria e’ composta da tantissimi lavoratori stagionali, discontinui e precari che avranno difficolta’ nel maturare i requisiti per la pensione senza che ci siano risposte adeguate da parte del Governo. ”Sperando che il Parlamento ci ascolti – fa sapere Galli – chiediamo di ottenere il riconoscimento dei lavori gravosi per i lavoratori agricoli, della pesca e del settore delle carni. Il 2 saremo in piazza e sciopereremo perche’ vogliamo portare avanti la nostra vertenza – conclude – che non si chiude con le manifestazioni di sabato, affinche’ si modifichi il sistema previdenziale, venga riconosciuto il lavoro di cura e si guardi al futuro dei giovani, condannati oggi alla precarieta’ e domani a pensioni da fame o ad andare in pensione a 80 anni”.