Pietro Bartolo all’assemblea di sinistra con Pietro Grasso: “Qui sono a casa mia”

“Grazie Presidente Grasso, grazie Presidente D’Alema. Questa e’ casa mia. Il Presidente Grasso deve essere il nostro traghettatore”. Lo ha detto tra gli applausi Pietro Bartolo, il “medico-eroe” di Lampedusa, anche lui intervenuto all’assemblea unitaria della sinistra che con la leadership di Pietro Grasso unisce Articolo 1-Mdp, Possibile, Sinistra italiana.. “L’immigrazione – ha aggiunto – non e’ un problema, e’ un fenomeno da gestire. Ci sono persone che fuggono dalla fame e dalla miseria. E poi c’e’ qualcuno che fa differenze parlando di migranti economici. Ma quella e’ una parola brutta. Morire di fame o di guerra cosa cambia? Io preferirei morire di guerra”. “Chi deve portarci un mondo migliore e’ la politica, quella bella, quella che e’ a servizio. Non quello che dicono alcuni politici, o alcuni sedicenti giornalisti che spargono bugie che provocano odio, paura, conflitti e derive populiste, reazioni esagerate di xenofobie. Questo – ha detto- e’ terrorismo mediatico, un crimine, un reato”.

“Costruiremo una storia importante tutti insieme”: lo ha detto Roberto Speranza (Mdp) dal palco dell’Atlantico durante la manifestazione per la nascita del nuovo soggetto politico di sinistra. “Il fatto che tu sei qui con noi ci rende forti, ci dice che siamo dalla parte giusta”, ha detto rivolto al presidente del Senato Pietro Grasso e ha sottolineato di “essere orgoglioso” della sua presenza.

– “Ai protagonisti del “no” al referendum costituzionale diciamo: siete i benvenuti ed e’ benvenuta la Costituzione. A me i ‘montanari’ piacciono”. Lo dice Pippo Civati, nel suo intervento all’assemblea che segna la nascita della lista unitaria della sinistra, lanciando un appello a chi ha scelto di non aderire, per il momento, al nuovo soggetto. “Mi auguro che in questo momento, mentre ci troviamo qui – e ringraziamo Grasso per guidarci in questa sfida – in altre parti del mondo ci siano persone che si organizzano per la stessa sfida: un Robert Hope, un Nicole Fratoianni'”, dice ‘traducendo’ i nomi dei segretari di Mdp e Si. “Dobbiamo rendere migliore il Paese, meno cattivo questo mondo. Con una grande sinistra: viva la liberta’, ma viva soprattutto l’uguaglianza”.