Natale sicuro, controlli a tappeto dei carabinieri a Messina: raffica di denunce

Continuano senza sosta i controlli a tappeto dei Carabinieri del Comando Provinciale di Messina al fine di garantire un maggior senso di sicurezza e la tranquillità nel Capoluogo peloritano. Anche  nella notte della festa dell’Immacolata – viene spiegato in una nota – è stata sensibilmente incrementata la presenza dell’Arma nella zona della movida del Capoluogo, caratterizzata dalla consistente presenza di giovani attirati dalla fitta densità di locali notturni e spesso, purtroppo, teatro di eccessi. I militari nell’ambito del servizio, che ha visto impiegati decine di equipaggi con l’ausilio di due etilometri, hanno controllato il traffico sull’intero tratto stradale che va da Viale Boccetta al Centro cittadino. L’intensa attività di monitoraggio e prevenzione straordinaria ha avuto lo specifico obiettivo di prevenire il fenomeno della guida in stato d’ebbrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti ed ha permesso di contenere gli episodi più gravi che di solito si registrano sulle strade della provincia soprattutto nei week-end e nei giorni festivi.

I servizi sono stati dispiegati, sia nei pressi delle uscite dei principali locali notturni presenti a Messina, anche con militari in borghese del nucleo Operativo della Compagnia Messina Centro, sia controllando le principali rotatorie e vie di snodo del traffico veicolare cittadino, monitorando a tappetto le principali vie del Centro per tutta la notte. E mai, come in questo servizio, il bilancio è stato particolarmente pesante, conseguendo i seguenti risultati:

  1. 1 persone denunciate alla Procura della Repubblica di Messina per detenzione ai fini di spaccio, poiché trovato in possesso di alcune dosi di stupefacente e di un bilancino di precisione;
  2. 5 persone denunciate alla Procura della Repubblica di Messina poiché sorpresi alla guida dell’auto in stato di ebbrezza, con l’immediato ritiro delle rispettive patenti di guida;
  3. 2 persone denunciate alla Procura della Repubblica di Messina perché colte alla guida delle rispettive autovetture mentre diffondevano musica ad altissimo volume mediante apparato stereofonico ad elevatissima potenza;
  4. 2 persone denunciate alla Procura della Repubblica di Messina poiché colti nella recidiva di guida di mezzi, nonostante fossero sprovvisti della necessaria patente di guida;
  5. 3 persone denunciate alla Procura della Repubblica di Messina poiché in possesso di coltelli e arnesi di vario genere idonei ad offendere senza giustificato motivo;
  6. 8 persone segnalate alla Prefettura di Messina quali assuntori di stupefacente, poiché sorpresi nell’atto di consumare delle modiche quantità di sostanza stupefacente (marjuana).
  7. Inoltre, nel corso del serrato controllo, sono state elevate numerose contravvenzioni al Codice della Strada per lo più relative alla guida senza patente (3) e per mancanza di copertura assicurativa (5). I soggetti colpiti dai citati provvedimenti amministrativi rientrano quasi tutti in una fascia d’età compresa tra i 15 e i 45 anni.
  8. Complessivamente sono state sottoposte a sequestro nr. 4 autovetture e nr. 4 patenti complessivamente ritirate per la successiva sospensione.

Una nota di colore : In via Garibaldi, proprio nei pressi di piazza Cairoli, alcuni giovani, al passaggio dell’autoradio, si nascondevano nell’androne di un palazzo. I militari li notavano e procedevano immediatamente al loro controllo rinvenendo in terra alcune dosi di stupefacenti ed all’esito della perquisizione personale trovavano ulteriore stupefacente in possesso di uno dei tre che lo occultava all’interno del contenitore delle lenti a contatto. La successiva perquisizione domiciliare consentiva di recuperare ulteriore stupefacente ed il bilancino di precisione utilizzato per dividere le dosi.   In vista delle ormai prossime festività Natalizie saranno ulteriormente intensificati i servizi di controllo straordinario del territorio da parte dei militari del Comando Provinciale di Messina al fine di garantire ai cittadini un Natale sicuro.