Mafia, “Bad Blood”: il film sul clan Rizzuto, video 2° episodio

Il clan Rizzuto tra fiction e realtà. “Bad Blood – The Vito Rizzuto Story”, la miniserie tv sul “padrino” italo-canadese originario di Cattolica Eraclea (Agrigento), divisa in sei parti, già trasmessa in versione inglese su City and FX e in questo periodo in onda in francese su RadioCanada. La fiction, prodotta da New Metric Media e Sphere Media and DHX Media, è basata sul libro “Business or Blood: Mafia Boss Vito Rizzuto’s Last War” di Antonio Nicaso e Peter Edwards. Una miniserie tv che ricorda quella realizzata in Italia sul boss Totò Riina, “Il capo dei capi”. Nel cast: Anthony LaPaglia (Vito Rizzuto), Paul Sorvino (Nicolo Rizzuto Sr); Michael Vincent Dagostino (Nicolo Rizutto Jr);  Kim Coates (Declan Gardiner); Maxim Roy (Michelle); Enrico Colantoni (Bruno Bonsignori). In Italia la miniserie è inedita.

Bad Blood racconta la storia romanzata del “capo dei capi” della mafia italo-canadese originario di Cattolica Eraclea che era riuscito a creare una holding internazionale del crimine ramificata in mezzo mondo, capace di infiltrarsi in Italia, secondo la Dia, nella prima gara per il ponte sullo Stretto di Messina e di riciclare 600 milioni di dollari attraverso la Made in Italy Spa con sede di fronte a Palazzo Chigi. Vito Rizzuto, nato nel 1946 a Cattolica Eraclea, è morto il 23 dicembre 2013 a Montreal per “cause naturali” dopo quasi otto anni di carcere durante i quali i rivali gli avevano ucciso il figlio Nick Jr e il padre Nick Rizzuto Sr oltre che diversi amici. Uscito dal carcere, il boss italo-canadese – secondo la ricostruzione della serie tv – avrebbe messo in atto la sua “vendetta shakespeariana” prima di morire.

Bad Blood, film sul clan Rizzuto: video 1° episodio

Bad Blood, film sul clan Rizzuto: video 2° episodio

Bad Blood, film sul clan Rizzuto: video 3° episodio

Bad Blood, film sul clan Rizzuto: video 4° episodio

Bad Blood, film sul clan Rizzuto: video 5° episodio

Bad Blood, film sul clan Rizzuto: video 6° episodio

* Avvertenze: sconsigliata la visione del film ai bambini.