Ars, Miccichè: maggioranza dovrà ascoltare opposizioni

“Non c’e’ nessuno screzio con le opposizioni ne’ con i 5 Stelle ne’ con il Pd, che hanno tutto il diritto di contestare. Negli ultimi giorni ho cercato il dialogo con alcuni di loro non avendo la maggioranza per essere eletto. Se le opposizioni alzeranno la voce questa volta sara’ compito della maggioranza ascoltare”. Lo ha detto il neo presidente dell’Ars Gianfranco Micciche’ cha ha parlato con i giornalisti. Micciche’ ha poi giustificato il gesto del deputato Udc Giovanni Bulla che ha mostrato il suo voto all’Aula, suscitando scalpore e tensioni e provocando l’annullamento della votazione: “Il deputato Giovanni Bulla e’ una persona per bene, se noi fossimo una coalizione fatta da gente cosi’ deficiente vuol dire che saremmo da galera tutti. Bulla davanti al suo capogruppo, Turano, che gli ha chiesto ‘hai votato per Micciche’?’, gli ha mostrato la scheda”. Ieri “con i franchi tiratori ci siamo divertiti, devo dire che mi sono fatto un ripasso del passato: non era mai successo che ci fossero solo due franchi tiratori alle prime elezioni, quindi, il risultato e’ stato positivo. Sono molto soddisfatto della tenuta di questa maggioranza. Ieri qualcuno ha pensato di ‘babbiare’, oggi i 35 voti della maggioranza sono arrivati tutti. Poi sono arrivati due voti da persone che hanno deciso formalmente di votare per me, bonta’ loro”. Per il presidente dell’Ars, Gianfranco Micciche’, “la commissione Antimafia regionale cosi’ com’e’ non va”. “Ho chiesto a Claudio Fava la disponibilita’ a confrontarci sulle modifiche e lui me l’ha data”, ha aggiunto Micciche’ in conferenza stampa.