Sicilia, Figuccia: tetti stipendi Ars? Solo stupidi non cambiano idea

“Solo gli stupidi non cambiano idea: mi sono sbagliato, Miccichè non è uno stupido”. Così Vincenzo Figuccia (Udc), che ieri si e’ dimesso da assessore del governo Musumeci, commenta la decisione del Consiglio di presidenza dell’Ars, presieduto da Gianfranco Miccichè, di dare mandato ai questori per trattare il rinnovo o l’introduzione del tetto pari a 240 mila euro agli stipendi dei dirigenti dell’Assemblea, in scadenza il 31 dicembre. Figuccia s’e’ dimesso dopo essere stato attaccato dai capigruppo della maggioranza in una nota congiunta e sconfessato dal commissario regionale dell’Udc proprio per le critiche che aveva mosso nei confronti di Miccichè, favorevole al ripristino dei vecchi emolumenti alla scadenza del contratto del personale, che contiene il tetto dei 240 mila euro per i dirigenti.