Sicilia, La Rocca Ruvolo (Udc): “Portiamo avanti ddl su reddito minimo di sostegno”

“Ci sono le premesse per fare bene. La priorità del governo attuale, che ha ereditato una serie di macerie, deve essere quella di offrire dei servizi ai cittadini. I problemi sono moltissimi, ma mi permetto di dare qualche consiglio, tra questi quello del reddito di minimo di sostegno. Non sarà la risposta a tutti i problemi ma sicuramente ma sicuramente sarà una risposta forte che in questo momento di crisi e di povertà dilagante possiamo fare”. Lo ha detto Margherita La Rocca Ruvolo, capogruppo dell’Udc all’Ars, intervenendo oggi in aula dopo le dichiarazioni programmatiche del presidente della Regione siciliana Nello Musumeci. La parlamentare dell’Udc, proprio sul reddito minimo di sostegno, aveva presentato un ddl nella scorsa legislatura.

La Rocca Ruvolo, augurando “buon lavoro” al presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, ha chiesto con forza al governo regionale anche un’attenzione maggiore su due grandi questioni particolarmente sentite nell’Agrigento: acqua e rifiuti. “Ci sono comuni virtuosi – ha detto la deputata regionale – che fanno bene la differenziata ma vengono penalizzati dalle grandi città che non la fanno proprio. Ci sono comuni come il mio, Montevago, dove facciamo la differenziata porta a porta da un anno e mezzo, abbiamo raggiunto il 70%, abbiamo ricevuto premi, ma cosa ce ne facciamo del premio  se poi i cittadini, per le manchevolezze di altri sindaci e di città più grandi, veniamo penalizzati nonostante gli sforzi immani. Abbiamo già abbassato la Tari del 20%, che comunque è un segnale in tempi di crisi, ma il nostro obiettivo è quello di ridurla del 50%.

L’altro problema – ha aggiunto Margherita La Rocca Ruvolo nel corso del suo intervento – è quello dell’acqua. Non so esattamente cosa stia succedendo nel Trapanese, apprendo da notizie giornalistiche che ci sono le autobotti per rimpinguare i serbatoi e le riserve, ma so bene cosa succede nella provincia di Agrigento, dove ci sono reti colabrodo e gestori privati che speculano fortemente. Su questi due punti, acqua e rifiuti, io credo che un’attenzione maggiore si debba avere”.