Sicilia, Lupo (Pd): “Opposizione costruttiva, pronti a confronto”

“Saremo opposizione positiva e propositiva sui provvedimenti del governo che conterranno proposte concrete di crescita e sviluppo per la Sicilia. Il Pd sara’ pronto a confrontarsi sulle riforme, avremo come riferimento quello che e’ stato il nostro programma elettorale. Ma per noi il tema principale della nuova legislatura sara’ quello del lavoro produttivo, che puo’ nascere solo da un modello di sviluppo capace di coniugare il risanamento gia’ avviato dal precedente governo, con il rilancio degli investimenti”. Lo ha affermato Giuseppe Lupo, presidente del gruppo Pd all’Assemblea regionale siciliana, intervenendo in aula dopo le dichiarazioni programmatiche del governatore Nello Musumeci.

“Saremo in quest’aula la voce dei cittadini e degli amministratori locali – ha proseguito – i Comuni meritano certamente maggiore attenzione. Cosi’ come siamo pronti ad un confronto sul Codice etico e sulle riforme della pubblica amministrazione. A proposito riteniamo che le risorse umane siano fondamentali: per questo chiediamo che la Regione proceda al rinnovo dei contratti dei dipendenti regionali, dopo 10 anni”. Rispondendo ad alcuni passaggi dell’intervento di Musumeci, Lupo ha detto: “Il governo ha sbandierato una ‘operazione verita” sui conti pubblici? Bene, ma deve riguardare tutti i rami dell’amministrazione, anche per verificare quanto di buono e’ stato fatto nel corso della scorsa legislatura: come ad esempio anche lei presidente Musumeci ha riconosciuto a proposito del lavoro svolto dall’onorevole Baldo Gucciardi nella veste di assessore alla Sanita’”.

“Vi sfidiamo – ha aggiunto Lupo rivolgendosi al governo – a rinegoziare in positivo l’intesa fra Stato e Regione. Ma su questo punto ci sono stati molti annunci e nessun risultato concreto. Siamo gia’ in campagna elettorale e il governo dovrebbe evitare di utilizzare certi argomenti per fare propaganda”. Lupo ha poi ribadito la necessita’ di dar vita in tempi brevi alla commissione regionale Antimafia e alla commissione per la Riforma dello Statuto. E sulle province: “Non e’ ancora chiaro quello che sara’ l’assetto istituzionale definitivo delle ‘nuove Province’, in questo senso ci lascia perplessi la proposta di Musumeci di voler ampliare le competenze degli enti di area vasta al punto da affidargli la gestione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti. Aspettiamo la proposta di legge”.