Riforma Pensioni, Salvini insiste: legge Fornero va azzerata

“E’ importante passare dalle parole ai fatti”, “ho chiesto a Berlusconi l’impegno sulla legge Fornero, che è un legge ingiusta che va azzerrata e cancellata”. Lo afferma il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando della riforma pensioni a ‘Quinta colonna’. “La Lega e’ l’unico partito che non ha votato la legge Fornero e mi diedero del matto. Gli unici che hanno avuto il coraggio a dire di no siamo stati noi. Ora io voglio abolirla e per farlo devo andare al governo con chi l’ha votata. Come si fa? Facendo un accordo: l’alleanza si basa sull’impegno che se vinciamo la legge Fornero va azzerata. E l’italiano e’ una lingua precisa”. Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini a Quinta Colonna. Propone l’abolizione della legge Fornero anche il candidato premier del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio.

Ecco, invece, la posizione del Governo Gentiloni, a proposito della riforma pensioni.
Abolire la legge Fornero sulle pensioni “non si può fare, perchè costa troppo e scaricherebbe sui giovani un altro problema”. Lo ha detto il ministro del lavoro Giuliano Poletti, secondo cui “gli italiani hanno vissuto la legge Fornero come una grande ingiustizia, ma penso che abolirla non sia ragionevolmente possibile, perchè si metterebbero a rischio i conti del nostro Paese. Credo che vada invece modificata”. “Noi – ha spiegato Poletti ai microfoni di Sky Tg24 Economia – siamo intervenuti dialogando con le organizzazioni sindacali e abbiamo fatto una scelta di equità, perchè abbiamo deciso che non tutti i lavori sono uguali e si può trattare diversamente chi fa lavori usuranti o pesanti. Questa strada di una modifica, che risponda a criteri di equità, è una cosa che si può e si deve fare. È un tema di discussione che va preso in maniera seria e rigorosa”. “Quella legge – ha aggiunto il ministro – è stata fatta in un momento di grande difficoltà. Credo dovesse essere fatta in maniera diversa, migliore, perchè difetti ne ha e ne aveva e ne ha, e la storia degli esodati ce lo dice in maniera chiara. Bisogna porsi seriamente il problema di una sua revisione, modifica, miglioramento: credo sia una cosa che abbiamo fatto e che la strada aperta sia quella giusta”.