Sanità, Savarino: “Riapre oggi reparto di chirurgia a Canicattì, politica del fare”

“La politica del fare. Noi i problemi li affrontiamo e li risolviamo. Il reparto di chirurgia a Canicattì oggi riapre”. Lo afferma la deputata regionale Giusy Savarino (#DiventeràBellissima), presidente della commissione Territorio e Ambiente dell’Ars, che già oggi in una nota aveva contestato lo stop agli interventi chirurgici all’ospedale civile Barone Lombardo di Canicattì.

Sulla vicenda, oltre al capogruppo dei Popolari e autonomisti all’Ars Carmelo Pullara, è poi intervenuto l’assessore alla Salute Ruggero Razza. “Quanto accade a Canicattì supera il limite del buon senso e mi irrita ancor prima come cittadino che nella qualità di assessore alla Salute. Per questo condivido i toni adoperati dal presidente della IV Commissione parlamentare, Giusy Savarino e di quanti in queste ore hanno ricordato che la carenza d’organico era ben nota”, ha detto l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.L’Asp di Agrigento, a cui come è noto spettano i profili organizzativi – conclude Razza – provveda a sanare celermente questo gap di assistenza nei confronti della cittadinanza”.

Poi un nuovo intervento della Savarino, che ha dato la notizia della riapertura del reparto di chirurgia a Canicattì:  “Da oggi pomeriggio – ha affermato- riaprirà il reparto di chirurgia dell’ospedale Barone Lombardo. Mi sono occupata di questa tematica, investendo della problema sia l’assessore regionale Razza che il manager Venuti e abbiamo immediatamente individuato una soluzione: abbiamo individuato 5 chirurghi in incentivazione, cosicché il reparto riaprirà già questo pomeriggio. Nel frattempo – ha aggiunto Giusy Savarino – si troveranno anche disponibilità di altre risorse che il manager Venuti si è impegnato a reperire anche in altre asp. L’ospedale Barone Lombardo sarà attenzionato come merita, del resto abbiamo già fatto arrivare 1,5 milioni per il pronto soccorso: la politica del fare, che è quella che noi interpretiamo deve risollevare la sanità e dare ai cittadini di tutti i territori le risposte che meritano e che da troppo tempo si aspettano”.