Mafia agrigentina, Lo Voi: “E’ ancora vitale e ha contatti con la ‘ndrangheta”

“In assoluto e’ la piu’ grossa operazione antimafia nel territorio agrigentino. Sono state colpite da misura cautelare soggetti provenienti da numerosi paesi e da numerose famiglie mafiose”. Così il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, commentando gli esiti della poderosa operazione antimafia “Montagna” dei carabinieri, scattata nel territorio della provincia di Agrigento. Colpiti interessi e uomini di Santa Elisabetta, San Biagio Platani, Cammarata, San Giovanni Gemini, Alessandria della Rocca, Casteltermini, Raffadali, Cianciana, Favara, Racalmuto e Sciacca. “Tutto cio’ da’ conferma – secondo il capo della procura di Palermo – della ancora attuale e vitale presenza di Cosa nostra nel territorio”. Una organizzazione che, soprattutto nel territorio agrigentino, “si connota per una particolare rigidita’ e chiusura delle sue strutture, ma che continuamente ricerca contatti e mantiene contatti con mandamenti di altre province dell’intero territorio siciliano”. Anche contatti con la ‘ndrangheta, “con personaggi calabresi, verosimilmente al fine di favorire attivita’ in materia di traffico di stupefacenti”.