Mafia, Lumia: “Collusioni tra boss, economia e politica dure a morire”

“La Dda di Palermo e i carabinieri del Comando provinciale di Agrigento hanno sferrato un colpo sistemico a Cosa nostra, di quelli che fanno male e piegano le ginocchia, in uno dei mandamenti più pericolosi e capaci di interagire con tutti gli altri presenti nell’Isola”. A dirlo è il senatore del Pd, Giuseppe Lumia, componente della commissione parlamentare Antimafia, per il quale “il blitz di oggi e quello di ieri a Palermo, che ha portato all’arresto di Giuseppe Biondino e altri quattro mafiosi, ci fanno capire almeno tre cose: i cosiddetti ‘fine pena’ sono un problema, appena usciti dal carcere riprendono le fila dell’organizzazione, come dimostra l’attivismo di Francesco Fragapane; le collusioni dei boss con il mondo dell’economia e della politica sono dure a morire e continuano ad alimentare la forza della mafia; la strategia sistemica e progettuale portata avanti da molte Procure, grazie al codice antimafia, che potenzia lo strumento dell’interdittiva e dei testimoni di giustizia, è la strada maestra per ottenere importanti risultati nella lotta alle mafie. Sono questi i fronti su cui lavorare – conclude Lumia – per colpire a morte le organizzazioni criminali nel nostro Paese, mentre a livello internazionale bisogna costruire e attrezzare uno spazio antimafia e antiterrorismo in grado di colpire il riciclaggio, che rimane la vera fonte di ricchezza della mafia”.