Operazione Montagna: “27 estorsioni e 10 intimidazioni ma nessuno ha denunciato”

“Sono 27 i casi di estorsione registrati e 10 consumati con atti intimidatori che arrivavano fino all’incendio di auto e mezzi nelle disponibilita’ di ditte che gestivano appalti pubblici. Nessuno ha denunciato“. Lo ha detto il comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento, Giovanni Pellegrino, durante la conferenza stampa a Palermo sull’operazione Montagna che ha decapitato i vertici dei mandamenti e delle famiglie mafiose di Cosa nostra agrigentina.
“E’ stata messa in luce – ha aggiunto – l’esistenza del mandamento della Montagna, al quale aderiscono i paesi della realta’ montana dell’agrigentino, sotto l’egida del comune di Santa Elisabetta. Sono stati decapitati i vertici di 15 famiglie mafiose collegate a questi mandamenti. Speriamo che con questa operazione le persone che sono state vittime di estorsione siano portate a denunciare. I contatti con le ‘Ndrine calabresi sono legati al traffico di stupefacenti“.