Arte, Orna Ben-Ami approda ad Agrigento: sculture e foto migranti alla Valle dei Templi

Il progetto artistico ‘Entire Life in a Package’ (‘Una vita in un pacchetto’) dell’artista israeliana Orna Ben-Ami approda in Sicilia, luogo simbolo del processo migratorio di ieri e di oggi. Da oggi, 29 gennaio, al 18 marzo sarà visitabile nella Valle dei Templi di Agrigento una personale cruda e poetica curata da Ermanno Tedeschi e realizzata in collaborazione con il Parco archeologico e l’ambasciata israeliana in Italia. La valigia è l’elemento centrale della rassegna dell’artista, che lavora le sue sculture metalliche fondendole e sovrapponendole a foto di migrazioni dei fotoreporter.

“Il lavoro di Orna stupisce non solo per la leggerezza con cui lei utilizza una materia, il ferro, combinandolo con commoventi fotografie scattate dai fotografi nei luoghi caldi del mondo, ma soprattutto per la sensibilità e la delicatezza con cui tratta il tema della migrazione”, illustra Ermanno Tedeschi, “la sua opera mi ha colpito intimamente, rimandando alla mia stessa storia familiare, appartengo a un popolo per millenni senza terra, domiciliato ovunque nei secoli, ma sempre in viaggio verso le antiche radici”.

“Gli scatti sono la quinta che narra un preciso istante della vita del migrante
, o il momento dopo l’abbandono, un frame cristallizzato da cui emerge, anche tridimensionalmente, in modo prepotente, un oggetto: un povero sacco, una valigia, un baule, una borsa o un ricordo che non può esser abbandonato seppur di non necessario alla vita quotidiana, come una bambola. Ciò ci fa indovinare quali siano i contenuti immateriali delle scatole da viaggio. I pacchi della vita possono contenere aspirazioni, sogni, desideri e qualcosa di ciò che si è lasciato”, illustrano gli organizzatori.

A spiegare le ragioni dell’importanza del messaggio della mostra è Eldad Golan, addetto culturale dell’ambasciata di Israele: “Le opere di Orna Ben-Ami mettono in evidenza le vite dei migranti travolti dal corso della storia: quali erano le speranze dei siciliani emigrati dopo la guerra? Quali sono state le paure degli ebrei espulsi nel corso dei secoli? Cosa portavano con sé? In che lingua guardavano al futuro? Quali erano i loro ‘bagagli di vita’? Osservando le opere di Orna Ben-Ami possiamo guardare alla storia dei migranti, e pensare ai lunghi secoli di paure, desideri racchiusi in questi ‘Life Packages'”.