Mafia, operazione Game Over: piano Bacchi per comprare giornali, contatti con LiveSicilia

Benedetto Bacchi, imprenditore del settore scommesse e giochi, arrestato oggi a Palermo, guadagnava fiumi di denaro: secondo gli inquirenti fino a un milione di euro al mese. A rendere noto il particolare emerso dall’inchiesta Game Over – come riporta l’agenzia di stampa Ansa – e’ il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi. “Parte del denaro – spiega il procuratore – andava alle famiglie mafiose con cui Bacchi aveva stretto un vero e proprio accordo contrattuale. Le somme erano ripartite a seconda del volume d’affari dei punti scommesse distribuiti nelle varie aree di influenza mafiosa”. Il resto del guadagno Bacchi e il suo socio occulto, il boss Francesco Nania, andava reinvestito.

“Nania – spiega Lo Voi – aveva avviato una attivita’ di import export di alimentari. Bacchi, attraverso prestanomi si mette a studiare come reinvestire: compra terreni, immobili, finanziamenti imprese edilizie, imprese legate alle energie rinnovabili, ipotizza anche l’acquisto di testate giornalistiche: prima il Giornale di Sicilia, poi Livesicilia, ritenuto, si sente nelle intercettazioni, “piu’ cool”. Nessuna delle due iniziative va a compimento. Dall’inchiesta viene fuori che ci sarebbero stati contatti con Livesicilia l’anno scorso. “Chi in Livesicilia ha avuto contatti con Bacchi- spiega Lo Voi – non e’ coinvolto nelle indagini e non ha avuto alcun rapporto con la mafia”.