Mafia, inchiesta Game Over, Palazzotto (LeU): “Intollerabile silenzio di Faraone”

”E’ intollerabile il silenzio del sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone sull’inchiesta che ha portato in carcere il ‘re delle scommesse’ Benedetto Bacchi, socio di Cosa Nostra”. Lo dichiara il vice presidente della commissione Esteri della Camera Erasmo Palazzotto, candidato per Liberi e Uguali a Palermo. ”Faraone – afferma Palazzotto – deve spiegare il suo coinvolgimento e quello di esponenti della sua coalizione di governo in una vicenda che ha visto un suo strettissimo collaboratore, Alberto Firenze, e alcuni parlamentari della maggioranza impegnati a elaborare e portare avanti un emendamento fatto su misura per Bacchi e che aveva come unico scopo la concessione all’imprenditore di Cosa Nostra di una sanatoria per le sue agenzie di scommesse illegali, per di più con un incredibile sconto del 70 per cento”.

‘Gli aspetti penali della vicenda spettano alla magistratura – prosegue il deputato di Liberi e Uguali – ma esiste l’aspetto etico che un esponente del governo, nonché candidato alle elezioni politiche del 4 marzo, non può evitare di affrontare in attesa che si calmino le acque. Questa vicenda rivela un problema di enorme importanza: il rapporto perverso tra politica e affari che impone l’apertura di una discussione seria sulla ‘questione morale’. Gli elettori hanno diritto di sapere quali sono i reali interessi che un candidato vuole tutelare: se quelli dei cittadini alla salute, all’istruzione e al lavoro, oppure quelli di pochi che riescono ad arricchirsi grazie all’influenza che esercitano sulla politica”.