Rifiuti in Sicilia, Zafarana (M5s): Musumeci ora non ha più alibi

“Vorremmo capire dove sta la novita’, dal momento che poteri straordinari per la gestione della crisi dei rifiuti li hanno avuti i tutti i governi e i presidenti della Regione che hanno preceduto Musumeci. E’ mai possibile che in Sicilia, ogni cosa deve essere gestita ricorrendo allo stato di emergenza?”. Lo dicono il vice presidente dell’Ars, Giancarlo Cancelleri, la capogruppo del M5S all’Ars Valentina Zafarana, e il deputato regionale Giampiero Trizzino, componente della commissione Ambiente dell’Ars, dopo l’ok del Cdm allo stato di emergenza per la crisi idrica a Palermo e per la gestione dei rifiuti in Sicilia. “Un mese fa il presidente della Regione aveva annunciato la crisi del sistema, che lui stesso peraltro in tema di rifiuti aveva definito strutturale – aggiungono – ma a breve scadranno i termini che Musumeci stesso aveva indicato per mettere in campo i primi interventi sugli impianti di trattamento dei rifiuti. Adesso che e’ commissario per le emergenze idrica a Palermo e per la gestione dei rifiuti in Sicilia non ha piu’ alibi, dimostri di sapere fare il presidente”.
“Vorremmo capire dove sta la novita’, dal momento che poteri straordinari per la gestione della crisi dei rifiuti li hanno avuti i tutti i governi e i presidenti della Regione che hanno preceduto Musumeci. E’ mai possibile che in Sicilia, ogni cosa deve essere gestita ricorrendo allo stato di emergenza?”. Lo dicono il vice presidente dell’Ars, Giancarlo Cancelleri, la capogruppo del M5S all’Ars Valentina Zafarana, e il deputato regionale Giampiero Trizzino, componente della commissione Ambiente dell’Ars, dopo l’ok del Cdm allo stato di emergenza per la crisi idrica a Palermo e per la gestione dei rifiuti in Sicilia. “Un mese fa il presidente della Regione aveva annunciato la crisi del sistema, che lui stesso peraltro in tema di rifiuti aveva definito strutturale – aggiungono – ma a breve scadranno i termini che Musumeci stesso aveva indicato per mettere in campo i primi interventi sugli impianti di trattamento dei rifiuti. Adesso che e’ commissario per le emergenze idrica a Palermo e per la gestione dei rifiuti in Sicilia non ha piu’ alibi, dimostri di sapere fare il presidente”.