Mafia, la difesa del sindaco Sabella: “Non ha fatto alcun patto coi boss, va scarcerato”

“Nessun patto con i boss. Il sindaco di San Biagio, Santo Sabella, va scarcerato”. Gli avvocati Antonino e Vincenza Gaziano, difensori del primo cittadino del paese, finito in carcere nell’operazione Montagna  con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, chiedono al tribunale del riesame l’annullamento dell’arresto. Come riporta il Giornale di Sicilia oggi in edicola, Sabella si era già difeso, in occasione dell’interrogatorio di garanzia, smentendo l’interpretazione data dagli inquirenti alle sue frasi. Secondo l’accusa avrebbe concordato le candidature col boss del paese Giuseppe Nugara, in occasione delle amministrative del 2014, e in cambio avrebbe dirottato alcuni appalti pubblici. Nei prossimi giorni sarà fissata l’udienza al tribunale della libertà chiamato a pronunciarsi sulla richiesta di annullamento dell’ordinanza cautelare.