Sarà ridimensionato centro migranti Siculiana, il sindaco: “Una svolta”

Proficuo incontro tra il sindaco di Siculiana, Leonardo Lauricella, il comitato per il cittadino e il neo Prefetto Caputo, sul tema “centro di accoglienza straordinaria dei migranti (CAS) di Siculiana”. Ancora una volta, il sindaco Lauricella – come viene sottolineato in una nota del comune – ha rappresentato al Prefetto gli effetti negativi di natura sociale ed economica che il centro ex Villa Sikania determina nel territorio siculianese. Le criticità riscontrate trovano la loro motivazione nel fatto che la struttura è ubicata nel centro abitato ed ospita un numero rilevante di migranti che mal si concilia con una popolazione di appena 4500 abitanti.

Anche i rappresentanti del comitato per il cittadino hanno messo in evidenza il disagio e la preoccupazione della cittadinanza che, a ragione della massiccia presenza dei migranti, si trova impossibilitata a frequentare gli spazi pubblici, le ville e il campo sportivo del paese quotidianamente occupati. Il Prefetto ha ascoltato con attenzione e molto interesse le argomentazioni esposte e si è impegnato a breve termine a ridurre sensibilmente il numero di migranti presenti a Siculiana, anche alla luce del nuovo avviso pubblico emanato dalla prefettura che assegna a Siculiana un numero massimo di 19 migranti.

“Siamo di fronte ad una svolta sul tema centro di accoglienza – ha dichiarato il sindaco Leonardo Lauricella – stando alle rassicurazioni fornite dal Prefetto i siculianesi potranno finalmente vivere una situazione di normalità e, visto il numero proporzionato di migranti ospitati, potranno concretamente avviare un percorso di accoglienza ed integrazione rispettoso della dignità della persona umana e che non pregiudichi la vocazione turistica del nostro territorio”.