Elezioni, Bindi: mafia tema assente in campagna elettorale

Quello del condizionamento del voto da parte delle mafie “e’ stato un tema molto assente in questa campagna elettorale e questo non e’ un bene. Il ministro degli Interni e anche la sottoscritta abbiamo lanciato piu’ volte, se non un allarme, un avvertimento molto importante”. Lo ha sottolineato la presidente della commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, a margine di un incontro alla Fondazione Feltrinelli di Milano. Non e’ un bene “perche’ e’ un problema strutturale del nostro Paese, e come tale non puo’ essere ignorato dalla politica, men che meno in campagna elettorale – ha aggiunto -. Poi perche’ c’e’ sempre il rischio che un silenzio possa essere maliziosamente interpretato dagli interlocutori, nel senso che parlarne significa anche dire esplicitamente che si rifiuta quel voto e quel consenso”. Il silenzio “potrebbe anche far credere che si sia quantomeno disponibili ad accoglierlo” quel consenso, ha concluso.