E’ morto Pierluigi Pirandello, ultimo erede della famiglia del premio Nobel

Pierluigi Pirandello, nipote del drammaturgo e scrittore siciliano Premio Nobel Luigi Pirandello e figlio di Fausto, artista figurativo di grande talento della Scuola Romana, è morto ieri a Roma all’età di 89 anni. L’annuncio della scomparsa dell’ultimo erede della famiglia del romanziere è stato dato oggi dalla moglie Giovanna Carlino, nel giorno dei funerali, che sono stati celebrati nella chiesa romana di Santa Maria del Popolo, in piazza del Popolo. La salma, come racconta l’Adnkronos, è stata poi tumulata nel cimitero comunale di Anticoli Corrado, alle porte di Roma, a cui Pierluigi Pirandello era legato in modo particolare per pochi ma cari ricordi di infanzia con il grande nonno. Ad Anticoli Corrado, paese della madre di Pierluigi, Pompilia D’Aprile, l’autore di “Il fu Mattia Pascal” trascorse la sua ultima estate e nella loro villa Fausto fece un famoso ritratto al padre. Nato a Parigi il 5 agosto 1928, Pierluigi Pirandello ha esercitato per più di 50 anni la professione di avvocato. Negli ultimi vent’anni ha accolto e promosso con la moglie Giovanna numerosi artisti ed attività culturali nel piccolo teatro di casa Pirandello, in via degli Scialoja a Roma, all’interno dell’appartamento acquistato dal padre Fausto nel 1954. Nel 2011 Pierluigi Pirandello ha costituito la Fondazione Fausto Pirandello.

La Fondazione Fausto Pirandello è stata istituita per volontà di Pierluigi e della moglie Giovanna con il fine di tutelare e promuovere l’opera artistica e intellettuale del maestro Fausto Pirandello.
La Fondazione comprende, nel suo patrimonio, 19 opere di Fausto Pirandello, oltre a un importante archivio fotografico e documentario relativo all’opera dell’artista e ad altre testimonianze circa la vita e l’attività di Fausto Pirandello. Nel 2017 Pierluigi Pirandello con Alfonso Veneroso ha pubblicato il volume “Il Pirandello dimenticato” (De Luca Editori d’Arte), che rivela un Luigi Pirandello padre affettuoso, appassionato di pittura, ma anche gli scontri, i silenzi, e le condivisioni con il figlio Fausto; un Fausto artista figurativo di grande talento, la faticosa ricerca di emancipazione dal padre, la sua formazione, le opere, l’amore per la figura femminile e la sua vita nel contesto culturale della stimolante Roma del ‘900. Il libro raccoglie una lunga intervista a Pierluigi, l’ultimo della famiglia ad avere conosciuto il nonno Luigi, al quale la sua nascita fu a lungo taciuta. Pierluigi Pirandello ha sposato nel 1995 in seconde nozze Giovanna Carlino, più giovane di ventiquattro anni e originaria di Ribera, in provincia di Agrigento, la città natale di Luigi Pirandello. Insieme hanno trascorso dalla metà degli anni ’90 le vacanze estive a Tarquinia, dove la coppia ha ospitato artisti e intellettuali ed ha organizzato anche eventi con la loro Fondazione Fausto Pirandello.