Uil: “Provincia Agrigento distrutta, nuovi parlamentari evitino desertificazione sociale ed economica”

Gero Acquisto, Segretario Generale della Camera Sindacale Territoriale della Uil di Agrigento, a nome di tutto il gruppo dirigente, fa un appello ai futuri parlamentari nazionali che saranno eletti nei due rami del Parlamento nella tornata elettorale del 4 marzo: “L’invito che rivolgiamo a tutti i candidati e ai parlamentari agrigentini che saranno eletti dopo il voto del 4 marzo è un accorato appello a non dimenticarsi di questo territorio e di chi ci vive. Purtroppo la crisi economica e sociale in questa provincia negli ultimi anni ha toccato l’acme della devastazione e desertificazione con conseguenze disastrose.
E’ inutile continuare a scrivere e denunciare all’opinione pubblica quello che non va, sarebbe facile e stancante, ma noi vogliamo ancora credere che la politica e i rappresentanti del popolo, che siederanno a Roma nella prossima legislatura, possano fare squadra e dare segnali finalmente positivi al territorio, al di là del colore e di logiche di maggioranza e opposizione.
Qui, nella Provincia di Agrigento, lo scoramento e la fiducia nella politica e nei politici è bassissima, questo è un dato che deve far riflettere tutti. Il dramma della disoccupazione, della mancanza di lavoro, di opportunità, di investimenti, non può essere più tralasciato. Ci vuole impegno, efficienza, ma soprattutto amore per questo territorio. Il Sindacato su azioni politiche e segnali di cambiamento non potrà che essere al fianco di parlamentari che opereranno su queste direzioni.
Vogliamo credere, ancora, che la politica e i politici hanno interessi e obiettivi per portare avanti progetti e proposte di legge per far ripartire l’economia locale in tutti i modi, perché siamo veramente al baratro e nelle emergenze più diffuse: qui mancano gli strumenti essenziali per poter vivere dignitosamente e nessuno può raccontarci diversamente le cose. Per questo incalzeremo subito i nuovi parlamentari per un dialogo costruttivo e finalizzato alla ripartenza di questa provincia”