Elezioni, a Le Iene i “cacciatori di plichi” per voto all’estero

“C’è stata una battaglia fino all’ultimo sangue perché era tanta la concorrenza però i miei risultati li ho portati lo stesso”. Lo ha raccontato a Le Iene un ‘cacciatore di plichi’ per il voto all’estero. Un procacciatore di schede ancora da votare, che ha raccontato di aver guadagnato 3.350 euro vendendo schede bianche ai candidati. L’inviato del programma di Italia1 si è infiltrato e ha documentato una trattativa. Oggetto di scambio: 3.000 voti. “Questo è quello che abbiamo trovato noi, in una sola città e in soli due giorni. E a questo punto sono troppe le domande aperte”, commentano Le Iene. “Quante situazioni come questa ci sono state in giro per il mondo per queste Elezioni? E’ possibile che un candidato all’estero possa comprarsi la sua Elezioni?”.