Reddito cittadinanza, coordinatore Caf: richieste in Sicilia, Calabria e Puglia

Massimo Bagnoli, Coordinatore della Consulta nazionale dei Caf, è intervenuto ai microfoni della trasmissione ‘Ho scelto Cusano – Dentro la notizia’, condotta da Gianluca Fabi e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano. Sulle presunte richieste di moduli per il reddito di cittadinanza ai Caf del sud Italia. “Le richieste ci sono state – ha affermato Bagnoli – Che queste richieste non siano diffuse sul territorio nazionale è altrettanto vero. Non è un fenomeno. E’ una condizione che si è verificata presso alcuni sportelli dei caf che certamente non va sottaciuta, ma non va neanche gonfiata. Questi casi si sono registrati in Puglia, in provincia di Bari, poi in Sicilia e in Calabria. I dati che abbiamo noi ci dicono che non c’è stata una richiesta forte. Si tratta di qualche decina di richiesta, potremmo arrivare al massimo a 200 richieste complessive in tutte e tre le regioni”. “Si tratta di iniziative spinte dalla curiosità ma soprattutto dalla speranza – ha aggiunto Bagnoli – Sono iniziative che evidenziano un bisogno, un disagio sociale in crescita, certificato da un altro dato: in questi primi mesi del 2018 il sistema dei caf ha prodotto oltre 2 milioni di Dsu, che sono le richieste per ottenere le Isee. C’è un incremento di oltre il 22% rispetto all’anno scorso. Molti di queste Dsu sono legate alla richiesta per ottenere il reddito di inclusione“.