Ponte sullo Stretto, Moretti (Fondazione Fs): non è una priorità

“I collegamenti sono tutti benvenuti quando riescono a unire parti importanti del territorio e la Sicilia lo è sicuramente. Però, dovendo fare una gerarchia di interventi, direi ‘facciamo prima quello che serve all’interno’, semplicemente perché dei cinque milioni e mezzo di persone che abitano in Sicilia, più del 90 per cento si muove all’interno dell’Isola e deve avere infrastrutture di qualità così come in qualsiasi altra Regione”. Lo ha detto oggi a Palermo Mauro Moretti, presidente della Fondazione Fs, a margine della corsa straordinaria del ‘Mandorlo in fiore Express’, treno d’epoca diretto alla Valle dei Templi di Agrigento partito stamani dalla stazione centrale del capoluogo siciliano, a proposito della costruzione del ponte sullo Stretto. Un’infrastruttura  – ha aggiunto come riporta l’Adnkronos – rilanciata durante la campagna elettorale per le Politiche da Silvio Berlusconi. “Poi, occorre curare anche i collegamenti, penso a quelli delle merci e, soprattutto, via acqua perché non ha molto senso fare infrastrutture terrestri per collegare le merci. Infine, ci sono gli aeroporti che stanno vivendo un grande sviluppo e devono essere, forse, un po’ razionalizzati. Infine, perché no, anche i ponti possono servire, ma penso ci debba essere una gerarchia negli interventi per poter utilizzare al meglio le risorse”.