Elezioni, 16 comuni al voto nell’Agrigentino: primo ad annunciare ricandidatura il sindaco di Sambuca di Sicilia

Sono 16 i comuni dell’Agrigentino chiamati al voto per il rinnovo dei sindaci e dei consigli comunali il 10 giugno prossimo, quando in Sicilia andranno alle urne complessivamente 137 comuni siciliani. Si voterà col sistema maggioritario a doppio turno nei comuni con popolazione superiore a 15mila abitanti, il resto sotto soglia 15mila. In provincia di Agrigento si voterà ad Alessandria della Rocca, Burgio, Calamonaci, Camastra, Castrofilippo, Cianciana, Grotte, Joppolo Giancaxio, Lucca Sicula, Menfi, Ravanusa, Sambuca di Sicilia, San Giovanni Gemini, Sant’Angelo Muxaro e Santo Stefano di Quisquina; tutti comuni con popolazione inferiore a 15mila abitanti in cui si vota con il sistema maggioritario a turno unico: viene eletto sindaco chi ottiene il maggior numero di voti, la lista collegata si aggiudica i 2/3 dei seggi del consiglio comunale. E’ Licata, invece, l’unico comune dell’Agrigentino con popolazione superiore a 15mila abitanti, chiamato alle urne in questa tornata elettorale: se al primo turno nessuno dei candidati ottiene la maggioranza assoluta (50% più 1 dei voti), si procede al ballottaggio nella seconda domenica successiva tra i due più votati.

Ancora è presto per parlare di candidature, ma partiti e movimenti sono già in fermento. Nei prossimi giorni sarà un susseguirsi di incontri e indiscrezioni un po’ ovunque. Mentre si vanno definendo i possibili scenari, tra i sindaci in carica c’è già chi annuncia la sua ricandidatura, chi invece sceglie di prendere tempo per non esprimersi senza avere avviato ancora un vero confronto con possibili alleati e sostenitori. In diversi centri si attende l’esordio alle Amministrative del Movimento 5 stelle, pronto a presentare proprie liste e candidati a sindaco forti del consenso generale ottenuto alle Politiche e alle Regionali anche nell’Agrigentino.

Il primo ad annunciare la propria ricandidatura è il sindaco di Sambuca di Sicilia Leo Ciaccio, del Partito democratico, “impegnato a portare avanti un progetto civico che mette la città prima di tutto. Mi ricandido – ha detto al Giornale di Sicilia – perché voglio essere giudicato dal mio popolo. Il mio impegno sarà quello di completare il lavoro che in questi anni abbiamo portato avanti, sulla promozione e la salvaguardia del territorio, sull’agricoltura e sul turismo, al fine di creare sviluppo e occasioni di lavoro. Tra le priorità – ha aggiunto il sindaco – il completamento di tutti i progetti di recupero del centro storico e degli edifici ad alto interesse architettonico. Mettere in sinergia il territorio, ambiente e prodotti agroalimentari è secondo me la mossa vincente”. Sembra intenzionato a ricandidarsi anche il sindaco di San Giovanni Gemini Carmelo Panepinto dal quale però ancora non arriva nessuna conferma ufficiale ma neanche una smentita. Verso la ricandidatura ci sarebbe anche il sindaco di Cianciana Santo Alfano che però ieri ha preferito non rilasciare nessuna dichiarazione al riguardo. “Non mi sono ancora pronunciato, ad oggi non abbiamo avviato nessuna valutazione”, ha detto il sindaco di Menfi Enzo Lotà, anche lui tra gli uscenti che punterebbe alla riconferma.