Rifiuti, nuovo impianto a Montallegro: l’opposizione chiede consiglio straordinario

“Solo oggi siamo venuti a conoscenza di una lettera da parte del Dipartimento Regionale dell’Acqua e dei Rifiuti inviata via Pec riguardate l’invito al nostro Comune ad una Conferenza dei Servizi per un Istanza presentata dalla Catanzaro Costruzioni relativa alla realizzazione di un impianto per il trattamento del rifiuto urbano residuale e della frazione organica della raccolta differenziata. La lettera è stata ricevuta via PEC il 28/02/2018 alle ore 8,26. La data della conferenza è martedì 20 marzo 2018 alle ore 10,30 presso il Dipartimento Regionale. Domanda: come mai ad oggi nessuno di noi è stato informato? Nessun cittadino sa niente?. Eppure di un argomento così importante se ne sarebbe potuto parlare tanto tempo fa ed in maniera ampia e approfondita considerato che è arrivata in Comune il 28 febbraio”.

Lo scrivono in una nota i consiglieri comunali del gruppo di minoranza di Montallegro Giovanni Cirillo, Giovanni Panarisi e Delia Todaro chiedendo un Consiglio comunale straordinario ed urgente in sessione aperta a proposito della conferenza dei servizi del 20 marzo 2018  riguardante “l’Istanza di rilascio di Autorizzazione Integrata richiesta dal Gestore I.P.P.C. Catanzaro Costruzioni relativa ad un impianto per il trattamento del Rifiuto Urbano Residuale (RUR) e della frazione organica da raccolta Differenziata (FORD) sito nel Comune di Montallegro ed identificabile nella Carta Tecnica Regionale (CTR) n. 636010 alle coordinate 37°.22’.60” N, 13°.23’.23”.

“Anche perché – sottolineano consiglieri di opposizione – se leggete la seconda pagina della lettera, la parte sottolineate, inviata dal Dipartimento l’eventuale dice in modo chiaro che in caso assenza da parte degli amministratori è da considerarsi assenso senza condizioni. Noi abbiamo immediatamente richiesto un Consiglio comunale urgente ed aperto ai cittadini affinché tutti noi possiamo dire la nostra sul futuro del nostro stupendo paese, perché noi amministratori non siamo i capi del popolo, ma siamo i suoi rappresentanti eletti per salvaguardare gli interessi di tutti i montallegresi”.