Esplosione in un’officina: tre morti a Catania, due sono vigili del fuoco, aperta inchiesta

Sono tre le vittime della violenta esplosione a Catania. Si tratterebbe di un uomo trovato carbonizzato all’interno della piccola officina per biciclette da dove si e’ sprigionata la fuga di gas; e di due vigili del fuoco. Erano quattro i pompieri trasportati in due ospedali. Due hanno riportato estese ustioni. Secondo una prima ricostruzione il boato ha interessato l’edificio di via Garibaldi dove e’ stata inviata una squadra dopo la segnalazione dei vicini: i pompieri hanno utilizzato una motosega per tagliare il catenaccio; quando pero’ l’attrezzo ha toccato la catena, la scintilla ha innescato l’esplosione stato che ha investito i vigili del fuoco. Nel zona del Fortino si e’ recato anche il sindaco Enzo Bianco. Una inchiesta e’ stata aperta dalla procura etnea.

La persona deceduta nell’abitazione sarebbe un sessantenne che viveva nella palazzina e che lavorava come venditore e riparatore di biciclette. Sarebbe suo il corpo carbonizzato trovato in via Sacchero a Catania, dove viveva in affitto. Nello stesso palazzo aveva casa e negozio.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO