Cattolica Eraclea, ricorso Amministrative 2017: schede verificate in Prefettura, udienza al Tar il 7 maggio

Si è svolta oggi alla prefettura di Agrigento la verificazione in contradditorio tra le parti disposta dal Tar di Palermo nell’ambito del ricorso relativo alle elezioni amministrative dell’11 giugno 2017 a Cattolica Eraclea. Dalla verifica di oggi sarebbe emerso che le schede corrispondono, che nei verbali ci sarebbero dati inesatti e che una scheda timbrata sarebbe priva della firma del presidente di seggio. La pubblica udienza per l’ulteriore trattazione nel merito del ricorso, come si apprende dal sito del Tar, è stata già fissata per il 7 maggio prossimo.

Si tratta del ricorso proposto da Leonardo Giuffrida con il patrocinio degli avvocati Giuseppe Impiduglia e Ignazio Cucchiara. Il comune di Cattolica Eraclea è assistito dall’avvocato Pietro Bisconti. Costituiti in giudizio il sindaco Santo Borsellino e i consiglieri comunali Pasqua Francaviglia e Giuseppe Sciortino, rappresentati e difesi dagli avvocati Stefano Polizzotto e Antonietta Sartorio. Non costituiti in giudizio gli altri consiglieri comunali nei cui confronti il ricorso potrebbe produrre effetti: Giuseppa Alagna, Giuseppe Messina, Alessandro Maria Miliziano, Ninetta Salvaggio, Giuseppe Sciortino, Giuseppe Vizzi, Angela Spezio, Giuseppe Giuffrida, Paolo Enzo Cammalleri, Pietro Piro e Mariella Renda.

Il ricorso riguarda le ultime elezioni amministrative in cui è stato eletto il sindaco Santino Borsellino (che ha battuto Giuseppe Giuffrida) e in particolare la sezione numero 6 dove una delle 1049 schede consegnate, secondo il ricorrente, non risulta verbalizzata né tra le 993 schede autenticate né tra le 55 rimaste non autenticate. Il ricorrente chiede: l’annullamento delle operazioni dell’adunanza dei presidenti delle sezioni; l’annullamento dell’atto di proclamazione del sindaco e dei consiglieri comunali; l’annullamento delle operazioni elettorali nella sezione n. 6; nonché l’annullamento e il rinnovo delle operazioni elettorali con riferimento alla sezione n. 6.

Fonte: Cattolica Eraclea News