Trovato con mitraglietta da guerra, arrestato giovane di Licata

A Licata la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura della custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale Penale di Palermo nei confronti di Mario Savio Incorvaia, licatese, 21 anni, pescatore, in quanto ritenuto responsabile del reato di detenzione illegale di arma da guerra, nello specifico una mitraglietta. L’ordinanza arriva al culmine di un’articolata e complessa indagine iniziata nel 2016 e condotta dal commissariato di Licata e alla Squadra Mobile di Agrigento su un’ipotesi di reato relativa ad un vasto giro di spaccio di sostanze stupefacenti nei comuni della provincia ed, in particolare, nei comuni di Licata e Palma di Montechiaro. L’attività investigativa condotta dai citati Uffici di P.S. ha consentito di individuare un gruppo di persone dedite, in maniera continuativa, ad attività di illecita commercializzazione di sostanze stupefacenti ed altro. Al termine delle predette attività, in data 08 giugno 2017 l’Autorità Giudiziaria ha emesso un’ordinanza di applicazione di misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un noto pregiudicato palmese, già detenuto per altra causa. Le investigazioni svolte, oltre a comprovare l’esistenza di un’illecita attività di spaccio di sostanze stupefacenti, hanno fatto emergere anche il delitto di detenzione illecita di armi da fuoco. Tale delitto, peraltro, risulta aggravato dalla tipologia di armi, trattandosi di armi da guerra.