Exploring Nero d’Avola al Vinitaly 2018, Planeta racconta il più famoso tra i vitigni a bacca rossa siciliani

Farà tappa anche al Vinitaly il tour mondiale di “Exploring Nero d’Avola”, il progetto a cui Planeta ha deciso di dedicare tutto il 2018, attraverso una serie di appuntamenti per raccontare il più famoso tra i vitigni a bacca rossa siciliani. Una “esplorazione”, appunto, attraverso i grandi territori del vino, dove ora sorgono le aziende di Planeta. Eccezion fatta per l’Etna, infatti, le altre quattro cantine – Menfi, Noto, Vittoria e Capo Milazzo – sono state negli anni protagoniste di un grande lavoro di ricerca su questa antica e nobile varietà. Una speciale “Masterglass” – un viaggio virtuale nelle terre del Nero d’Avola, per approfondire la conoscenza del vitigno, le sue origini, i suoi terroir, le tecniche di produzione, il potenziale di invecchiamento – è in programma (per la stampa) lunedì 16 aprile alle 17 nello stand di Planeta al Vinitaly (Padiglione 2 Sicilia Stand Planeta 81 E / 90 F).

Note storiche: Citate da Cupani (1696), le origini del Nero d’Avola sono ancora incerte. Legato all’antico vino chiamato “Calabresi d’Augusta” e “Vino Vittoria”, il nome “Calabrese” probabilmente deriva dalle antiche parole siciliane “Calea – Avulisi”, grappoli di Avola, legato quindi al luogo della selezione originale. Il re dei vitigni a bacca rossa siciliani è poi cresciuto con successo in tutte le aree viticole dell’Isola, dove ha trovato la sua massima espressione qualitativa. Cultivar: Vigorosa, con una foglia medio larga, intera o lobata, a forma di cuneo pentagonale, grappolo da medio a grande, cilindrico o conico-cilindrico, bacche di media grandezza di forma da troncovoidale a ovoidale, di colore grigio-blu. Ha una maturazione media. Questa cultivar ha una elevata variabilità intravarietale rispetto alla morfologia del grappolo. Epoca di vendemmia: Dalla metà alla fine di settembre. Caratteristiche dei vini: Pieno di personalità, dal colore rubino intenso, ha un vasto spettro aromatico con elementi di frutta, fiori e spezie, una buona struttura al palato, tannino equilibrato, di corpo pieno, acidità bilanciata. È nel complesso delicato e armonioso. DOC e DOCG: Cerasuolo di Vittoria DOCG; Contea di Sclafani, Contessa Entellina, Delia Nivolelli, Eloro, Erice, Mamertino, Marsala, Menfi, Monreale, Riesi, Salaparuta, Sambuca di Sicilia, S.Margherita Belice, Sciacca. Per saperne di più consultare il sito exploringnerodavola.com