Migranti, allarme del Viminale: “Rischio di terroristi sui barconi”

Il rischio terrorismo resta alto, la guardia va mantenuta alzata. E bisogna tenere d’occhio anche le rotte dei migranti. Lo ha affermato  il ministro dell’Interno Marco Minniti in un’intervista al Giornale. Un tema particolarmente sottolineato dal ministro è quello del rischio che comportano i cosiddetti «lupi solitari», personaggi cioè che si sono radicalizzati da soli, di solito su internet, e che sono pronti a compiere attacchi in piena autonomia, richiamandosi al modello dell’Isis ma senza una rete strutturata alle spalle. Lupi solitari, ha detto il ministro, che si muovono «perché autoattivati, e questa è la forza dell’Isis», che in questi anni «ha costruito una rete di terroristi pronti ad agire», una forza che paradossalmente «nemmeno l’Isis stesso sa di avere». I giorni prima di Pasqua hanno visto un’allerta altissima e una serie di interventi delle forze dell’ordine per arrestare o allontanare dall’Italia soggetti radicalizzati potenzialmente pronti a compiere attacchi terroristici. «Per fortuna – ha sottolineato Minniti – abbiamo la capacità di previsione delle nostre forze di polizia. Di fronte alla imprevedibilità funziona anche il controllo del territorio».