Vinitaly 2018, i sindaci delle Terre Sicane a Verona per promuovere il territorio e le eccellenze enogastronomiche

Comuni e aziende della Strada del Vino delle Terre Sicane in vetrina al Vinitaly 2018, dove produttori, importatori, ristoratori, tecnici, giornalisti, foodblogger e influencer si danno ogni anno appuntamento per conoscere le tendenze del mercato, scoprire le innovazioni e creare nuove opportunità di business. Dal 15 al 18 aprile al salone internazionale dei vini di Verona, a rappresentare i propri comuni, ci saranno anche i sindaci di Santa Margherita Belice, Montevago, Menfi e Sambuca di Sicilia, rispettivamente Franco Valenti, Margherita La Rocca Ruvolo, Enzo Lotà e Leo Ciaccio.

Sarà presentata per la prima volta al Vinitaly la Sagra del Vino di Montevago Terme, “nel segno di una città che vuole rinascere – dice il sindaco Margherita La Rocca Ruvolo al Giornale di Sicilia – investendo su agricoltura e turismo in occasione del 50° anniversario del terremoto del Belìce. Il Vinitaly è un’occasione importante per avviare nuovi rapporti di collaborazione con comuni, associazioni, consorzi, aziende e importare buone pratiche per la promozione del turismo enogastronomico, è una prestigiosa vetrina internazionale per far conoscere il nostro territorio e le nostre eccellenze enogastronomiche”. Il materiale promozionale dei comuni belicini sarà esposto negli stand della Federazione delle Strade Vini e Sapori di Sicilia guidata dal presidente Gori Sparacino.

“Saremo presenti con le aziende del nostro comune che ogni anno partecipano al Vinitaly riscuotendo grande successo”, dice il sindaco di Menfi. “Per quanto riguarda l’evento Inycon – spiega Lotà – presenteremo uno schema di programma. Sappiamo che oggi c’è una previsione di circa 400 milioni di turisti che si muoveranno guardando con attenzione anche all’enogastronomia e credo che i comuni del Belice siano ben attrezzati per captare una quota di questa domanda turistica. Le eccellenze enogastronomiche e la bellezza delle risorse naturali rappresentano la forza del nostro territorio”. “Il Vinitaly – dice il sindaco di Santa Margherita Belice – è un’occasione ghiotta per fare conoscere il nostro territorio, per cercare di attirare nuovi visitatori e turisti, per promuovere le cose belle che abbiamo, tra le quali la bontà dei prodotti. Il nostro vino, il nostro olio, ma anche il ficodindia e la Vastedda del Belìce Dop. Andremo a Verona per incontrare quanta più gente possibile e cercheremo di portarla in questo spicchio di Sicilia”.

Ecco quali sono le aziende della provincia di Agrigento che saranno presenti con un loro stand nel padiglione Sicilia: Baglio del Cristo di Campobello e azienda agricola G. Milazzo di Campobello di Licata, società agricola Morgante di Grotte. Cantine Settesoli e Planeta di Menfi. Cantine Cellaro, Di Prima, Feudo Arancio e Vigneti Zabù di Sambuca di Sicilia. Cantina sociale Corbera e società agricola Etikè Vini di Santa Margherita Belice; Cva di Canicattì, Luna Sicana di Casteltermini e Feudo Montoni di Cammarata. Le Cantine Carbera di Menfi saranno invece negli spazi della  Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti (Fivi). Farà il suo esordio come produttore di vini anche l’ex presidente della Regione siciliana Totò Cuffaro; lui è di Raffadali, la sua azienda – Tenuta Cuffaro – si trova a San Michele di Ganzaria, in provincia di Catania.