Emergenza rifiuti a Canicattì, ditta Catanzaro: “Il Comune non conferiva nel nostro impianto dal dicembre 2017″

“Il Comune di Canicattì non conferisce nella nostra discarica dall’11 dicembre 2017, quindi noi non abbiamo interrotto alcun servizio semplicemente perchè non esiste alcun rapporto contrattuale. Non si comprende, pertanto, come mai le stesse accuse non vengono fatte al fornitore del servizio che ci ha sostituiti. Sarebbe anzi interessante capire perché l’ente non ha più conferito nell’altro sito. Altra questione riguarda l’eventuale ripresa dei rapporti tra Comune e azienda. La motivazione non va ricercata in aspetti economici e finanziari, ma nella corretta pretesa della formalizzazione di atti leggittimi, secondo quanto previsto dalla legge. Ciò al fine di evitare un irregolare e reiterato “modus operandi” posto in essere dal Comune”. Lo afferma la società Catanzaro in riferimento alle notizie di stampa sulla questione rifiuti a Canicattì.
L’impresa ricostruisce gli ultimi passaggi della vicenda: “L’amministrazione oggi sostiene che sarebbe stata obbligata a conferire presso il nostro sito. Circostanza che viene chiaramente smentita nel momento in cui l’amministrazione di Canicattì ha liberamente deciso di conferire in altro sito, dimostrando l’assenza di qualsiasi forma di vincolo. In ogni caso, non abbiamo posto pregiudizi a riprendere i rapporti, dimostrandoci ampiamente disponibili a rateizzare gli ingenti crediti da noi vantati. Purtroppo, abbiamo evidenza di rilevanti violazioni poste in essere dagli uffici del Comune con ripercussioni sul controllo della situazione gestionale, che pongono il Comune di Canicattì al di fuori di un quadro di liceità e di “buona fede”, minando la governabilità propri conti. Basta solo dire che per i crediti vantati dalla società, a dispetto delle attestazioni di copertura finanziaria effettuate dal Comune nel 2017, si apprende, solo al tentativo di riprendere il rapporto, che debbono, inspiegabilmente, essere riconosciuti come debiti fuori bilancio. Si evidenzia che il bilancio 2017 è stato approvato nel dicembre 2017, quindi in evidente squilibrio finanziario”. Quindi la società conclude: “Contrarre, pertanto, con il Comune di Canicatti significherebbe accettare questa situazione che si colloca, evidentemente, fuori del quadro normativo. Vogliamo ribadire al Comune che l’azienda, nonostante le proposte, non è disposta ad agevolare tale “modus operandi” e si dichiara disponibile a riprendere i rapporti solo e unicamente dopo la formalizzazione di atti legittimi”.