Elezioni a Cianciana, il sindaco Alfano: “Non mi ricandido perché sono sotto processo”

“Care concittadine e cari concittadini, ho deciso di non ricandidarmi alla carica di Sindaco del Comune di Cianciana per senso di responsabilità e per rispetto delle Istituzioni. Come Voi sapete, sono sottoposto, insieme con altri colleghi Sindaci, ad un procedimento penale (abuso d’ufficio aggravato) il cui percorso in sede di dibattimento è iniziato da poco. Seppur fiducioso nell’esito del processo, ritengo che il Sindaco, primo cittadino di una comunità, deve essere libero da ogni ‘ombra’. Inoltre, una eventuale condanna comporterebbe la sospensione di diritto del Sindaco e il conseguente commissariamento dell’Ente Comune, con ripercussioni negative sull’immagine del nostro amato paese e sui servizi a favore dei cittadini. Non posso e non voglio consentire tutto questo”. Lo ha scritto su Facebook il sindaco di Cianciana, Santo Alfano, annunciando così la sua scelta di non ricandidarsi alle elezioni amministrative di giugno 2018. “Preciso che il gruppo politico che ho guidato in questo quinquennio – ha aggiunto – ha manifestato il desiderio di ricandidarmi, ma, nell’interesse della comunità ciancianese e consapevole di assicurare comunque una continuità politica all’altezza delle sfide future, ho rifiutato. Tuttavia, ciò non comporta il venir meno al mio impegno politico per Cianciana, che rimane costante, quotidiano e presente nel movimento politico che sosterrà Francesco Martorana, con un contributo diretto o indiretto sulla base delle scelte condivise dal gruppo”.